Gravidanza

La gravidanza è uno dei momenti più importanti per le aspiranti Mamme; rappresenta un momento particolarmente delicato, che coinvolge tutto l’organismo.

Durante questo periodo di nove mesi, la donna va incontro a notevoli cambiamenti, al fine di poter aiutare la formazione e la crescita del futuro nascituro.

A livello del cavo orale, per effetto delle variazioni ormonali dello stato gravidico, si possono verificare numerosi cambiamenti, tra cui un aumento della viscosità salivare e un aumento della vascolarizzazione. Così la diminuzione della detersione salivare, e l’accumulo di liquidi nei tessuti gengivali, porta quasi inevitabilmente ad un aumento della suscettibilità alla carie e alla gengivite.

La gengivite è un’infiammazione dei tessuti intorno al dente, che si manifesta con arrossamento, gonfiore, sanguinamento durante lo spazzolamento o al passaggio del filo interdentale. Inoltre le gengive, come conseguenza del perdurare dell’infiammazione locale e della concomitante azione ormonale, possono sviluppare dei rigonfiamenti localizzati, caratterizzati da: consistenza molle, colore rosso e facile sanguinamento. Queste piccole neoformazioni sono dette: epulidi gravidiche, che in genere regrediscono spontaneamente dopo la gravidanza.

Per questo la prevenzione odontoiatrica in gravidanza si può considerare come il primo momento di protezione della salute oro-dentale, non solo della madre ma anche del nascituro.

Pertanto, si deve intervenire nell’eliminazione per tempo di tutte le patologie presenti nel cavo orale materno mantenendo una corretta igiene orale quotidiana, che eviterà un rapido passaggio di batteri produttori di patologie nel cavo orale del futuro neonato.

Di seguito alcuni consigli da osservare durante questo periodo:

-       Non fumare: evitare il fumo attivo, ma anche passivo, preserva dalla formazione di alterazioni nella crescita dei denti e di tutto l’organismo del feto.

-       Seguire una corretta alimentazione: è preferibile assumere alimenti ad elevato contenuto di vitamine e calcio (frutta, verdure, formaggi).

-       Curare la propria igiene orale: la futura mamma dovrà dedicarsi a più intense e accurate procedure di controllo della placca batterica.

-       Eseguire regolari controlli dal dentista (almeno una ogni tre mesi): questi, si potrebbero rivelare occasioni utili per poter ricevere consigli personalizzati in base alla propria situazione. Sotto stretta indicazione dell’odontoiatra è possibile abbinare, alle normali procedure d’igiene domiciliare, l’uso di un collutorio alla clorexidina.

Se siete in stato di gravidanza e volete agire sin da ora per la vostra prevenzione e del vostro bambino, chiedete consiglio al nostro studio.